Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

giovedì 26 febbraio 2015

ESONDAZIONI A MEDA E MANUTENZIONI CORSI D'ACQUA: LA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE DI SINISTRA E AMBIENTE


Sinistra e Ambiente, dopo le inondazioni dell’ 8 Luglio e del 15 Novembre 014, ha verificato che nessun intervento di manutenzione del Tarò (o Terrò) e dei torrenti che scendono dall’altopiano del Parco della Brughiera è stato successivamente attuato. Abbiamo allora stimolato l’Amministrazione con una interrogazione nella quale, subdolamente, si anticipavano anche alcune possibili azioni.

L’assessore Nava, competente per la Protezione Civile, ma non per i Lavori Pubblici ( assessorato che forse avrebbe dovuto battere un colpo per segnalare la sua presenza in attività utili alla città), ha risposto confermando che quello che Sinistra e Ambiente chiedeva si è provato a farlo.
Almeno sulla carta. O meglio, purtroppo ancora solo sulla carta.

Nonostante il sindaco abbia più volte rilasciato dichiarazioni e comunicazioni approssimative e contraddittorie, denotando inadeguatezza nella gestione della situazione, Nava informa che il comune di Meda ha richiesto, con due delibere di giunta, la partecipazione ad un bando di Regione Lombardia per il finanziamento delle attività di  progettazione per la "pulizia"  del Tarò tra Cabiate e Cesano, che peraltro sarebbe di competenza della Regione, e per la messa in sicurezza di una frana nel bacino della Valle di Cabiate, detta anche Valle di Mezzo.
C’è però una pesante limitazione in questa richiesta: il bando regionale finanzia solo la progettazione ma non la realizzazione degli interventi. E a Meda non ha bisogno di ulteriori progetti non realizzabili. Già ce ne sono nei cassetti del Comune.

In un altro passaggio Nava informa anche che sono stati attivati contatti con la Protezione Civile (come Sinistra e Ambiente, sommessamente, suggeriva) e questo è sicuramente un’iniziativa molto positiva. E speriamo di vederla presto tramutata in attività.

Ma sia che si voglia considerare tali operazioni come attinenti alla Protezione Civile, oppure veri e propri Lavori Pubblici, andrebbero stanziate nel Bilancio Comunale le relative risorse economiche e serve quindi, diciamo noi, mettere lì due soldi per cominciare a lavorare da subito.
Basterebbero una ruspa/escavatore con un camion per fare, chiaramente con attenzione per l'alveo e l'ambiente circostante, una prima manutenzione grossolana delle vallette di competenza comunale.
L'affiancamento di volontari della protezione civile e operai del comune consentirebbe anche di "lavorare di fino" con motoseghe, rastrelli, pale e vanghe. Tutto per una prima rimozione del materiale d'ostruzione e dei rifiuti portati dalla passata piena.
Senza aspettare che qualcuno, da qualche parte, decida di farsi carico della manutenzione dei nostri corsi d’acqua che se lasciati ad un progressivo degrado sapranno ricompensarci alla prossimo piena.

Sotto, il testo dell'interrogazione e la risposta dell'assessore alla Cultura, allo Sport e alla Protezione Civile Massimo Nava.



Nessun commento:

Posta un commento