Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------




CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

sabato 18 novembre 2017

CONA: I RICHIEDENTI ASILO IN MARCIA PER LA DIGNITA'


Del sovraffollamento e delle pessime condizioni del centro di prima accoglienza (CPA) di Cona, ex base militare in provincia di Venezia dove allora risultavano stipati 1400 richiedenti asilo ne avevamo parlato in QUESTA NON E' ACCOGLIENZA.
A distanza di quasi un anno, nonostante le promesse, la situazione è rimasta pressochè immutata, fatto salvo una diminuzione delle persone lì concentrate , comunque oltre le mille unità rispetto ai 540 consentiti dalle abilitazioni della locale ASL (ora ATS).
Così, in questi giorni, esasperati dalle immutate condizioni, circa 250 richiedenti asilo hanno deciso di abbandonare il CPA di Cona e insieme, di raggiungere con una marcia la Prefettura di Venezia.
Una protesta civile e pacifica, purtroppo funestata dalla morte d'un ragazzo ivoriano investito da un'auto, di sera, mentre raggiungeva i compagni in marcia.
Una marcia che ha avuto l'appoggio e la solidarietà delle associazioni locali, della gente e delle parrocchie che hanno aperto le porte delle loro strutture e che ha strappato il risultato della ricollocazione in strutture migliori per i 250 partecipanti alla protesta.
Il Manifesto lo racconta.
Ecco, leggete l'articolo che ancora ora come allora, denuncia situazioni intollerabili e insostenibili che nulla hanno a che fare con una sana accoglienza.



di Ernesto Milanesi VENEZIA Edizione del 18.11.2017

Organizzati si vince:
ricollocati i migranti in marcia per Venezia


A Conetta, almeno loro, non ci torneranno più. E hanno aperto la strada giusta a tutti gli altri, perché l’accoglienza significa dignità.
Le centinaia di migranti che per giorni camminavano a cavallo delle province di Venezia e Padova, alla fine hanno vinto: un letto vero, uno spazio umano e forse perfino un corso d’italiano o tempo da impegnare concretamente. 
Adesso è davvero possibile immaginare di svuotare la struttura, aperta come «accogliente» e rivelatasi semplicemente sbagliata. Va finalmente chiusa per non provare altra vergogna, guardando negli occhi la marea di profughi.
Loro, i vincitori, erano usciti alla spicciolata dal cancello dell’ex base militare Silvestri nella frazione di Cona. A piedi, con la valigia in testa o con il trolley trascinato insieme alla bici. In tre giorni sono diventati un esodo, lungo gli argini del Bacchiglione e del Brenta. Circa 250 migranti «in marcia per la dignità», una specie di piccola Selma nel cuore del Veneto come l’ha definita Gianfranco Bettin.
Soltanto Salif Traore, ivoriano di 35 anni, mancava all’appello: è morto mercoledì sera. Investito da un’auto mentre pedalava verso Codevigo, dove il parroco don Michele Fanton aveva appena aperto la chiesa.
Nell’hub dell’emergenza formato business, nessuno voleva più tornare. 
Per mesi hanno sopportato la gestione delle coop Ecofficina-Edeco (sinonimo dei coniugi Sara Felpati e Simone Borile) tutt’altro che in grado di reggere gli «ospiti». Il 2 gennaio in uno dei bagni si era registrata una morte atroce: Sandrine Bakayoko, 25 anni, ivoriana.
Poi il piccolo municipio era diventato il miraggio di un documento d’identità, prima del sogno di un permesso vero e proprio. Ma il sindaco Alberto Panfilio doveva fare i conti con un ufficio abituato a 2.985 abitanti: al massimo cinque pratiche alla settimana per certificare la «convivenza anagrafica» di oltre mille migranti. E nonostante visite d’autorità, ispezioni parlamentari, processioni di avvocati con attivisti e volontari, a Conetta la vita quotidiana restava un incubo. Prigione a cielo aperto, dimenticata in mezzo alla campagna, nell’indifferenza delle istituzioni.
Finché lunedì il primo drappello dell’ennesima «rivolta» ha mosso il primo passo. «Qui ci trattano come animali. Basta. Andiamo dal prefetto…»: sembrava impossibile, invece si è aperto lo spiraglio con le autorità. La lunga marcia era cominciata, fuori dal piccolo paese, verso Venezia. Cona era l’inferno: non avevano più niente da perdere. La dignità, invece, è stata la molla che ha spinto decine e poi centinaia di migranti verso Codevigo e la mattina dopo verso Mira. 
Con loro all’inizio i militanti dell’Usb di Bologna, i centri sociali del Nord Est, ma anche la Caritas padovana e la gente della Bassa. In marcia, come nei Balcani nell’estate 2015 e verso la tendopoli della vergogna europea di Idomeni nella primavera 2016.
Stesse immagini, identiche storie, uguale umanità senza alternative. La «marcia della dignità» ha messo il Veneto (che sogna l’autonomia, coltiva la piccola patria e raccoglie veleni) davanti allo specchio più nitido per la coscienza e meno adatto a riflettere favole. 
Così i rifugiati di Cona, immobili sul ponte di Bojon davanti all’esercito di poliziotti, hanno incarnato le parole di un papa nel cuore dei vescovi.
Il patriarca Francesco Moraglia – come già il vescovo di Padova Claudio Cipolla- ha risolto in diretta telefonica lo stallo che rischiava di travolgere tutto e tutti. Chiese e strutture parrocchiali spalancate a Mira, Borbiago, Oriago e Gambarare. 
Poi ieri il «censimento» indispensabile a predisporre con la prefettura il definitivo trasferimento in luoghi più consoni. Nel pomeriggio 151 migranti a bordo di bus hanno raggiunto strutture diverse in tutta la regione. Un’altra decina di richiedenti asilo ospitata dalla diocesi, mentre per gli ultimi 90 si stavano completando le operazioni da parte della task force coordinata dal prefetto Carlo Boffi.
Aboubakar dell’Usb ha perso la voce, ma ha vinto la partita dei suoi fratelli africani: «Sono ragazzi che dopo quasi due anni non sanno ancora esprimersi in italiano. È integrazione?».

domenica 12 novembre 2017

INTERESSANTE E RIUSCITA SERATA DELL'ANPI DI SEVESO CONTRO I FASCISMI


Una bella e intensa serata quella organizzata dall'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia (ANPI) di Seveso con l'adesione delle sezioni di Bovisio Masciago, Limbiate, Cesano Maderno e Meda) e il patrocinio dell'Amministrazione Comunale.
SAVERIO FERRARI ha relazionato sui "nuovi volti del fascismo".
Un lavoro attento, approfondito e costante quello di Ferrari e dell'Osservatorio sulle nuove destre.
Un lavoro che seguendo costantemente la cronaca, la storia e scrivendo sempre basandosi su materiali, atti e documenti ufficiali, comprese le relazioni, le indagini e i testi delle sentenze dei Tribunali ricostruisce i dettagli, le evoluzioni, i collegamenti e le modalità di azione proprie dei gruppi che in Italia e in Europa direttamente o velatamente si richiamano al nazifascismo.
Informazioni precise che potete trovare anche sul sito de l'Osservatorio (qui) che vi invitiamo a visitare.






Come prevedibile, con il Comune di Seveso prossimo alle elezioni amministrative, il patrocinio concesso all'iniziativa da parte dell'Amministrazione ha scatenato alcune forze politiche locali (Lega Nord in primis) evidentemente più interessate ad acquisire visibilità con una sterile quanto fantasiosa polemica invece d'essere preoccupate per l'insorgere di azioni da parte di gruppi neofascisti, azioni le cui caratteristiche sono tra l'altro la discriminazione, l'intolleranza il razzismo e il negazionismo.

L'ANPI di Seveso ha così commentato l'niziativa:

venerdì 3 novembre 2017

CONTRO I FASCISMI, IL 9-11-017 INIZIATIVA DELL'ANPI A SEVESO CON SAVERIO FERRARI


Proseguono le iniziative dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia (ANPI) per sensibilizzare, informare, creare e rafforzare la coscienza antifascista in una situazione che vede frequentemente balzare alla cronaca per le loro squallide azioni i gruppi che si rifanno al nazifascismo.
Gruppi che alimentano in continuo l'odio razziale, la discriminazione e l'apologia all'infausto ventennio di dittatura nera che ha portato privazione della libertà, persecuzioni, guerra, morte e orrori.
Sul territorio della Brianza, l'ANPI di Seveso, con l'adesione delle altre sezioni di zona (Cesano Madero, Limbiate, Bovisio Masciago e Meda) ha promosso ed organizzato un incontro pubblico GIOVEDI 9-11-2017 dalle ore 21.00 presso il Centro Civico in via Silvio Pellico a Seveso con SAVERIO FERRARI ricercatore de L'Osservatorio sulle nuove destre .
Un incontro utile per capire e non farsi trarre in inganno dai trasformismi e dalle mimetizzazioni della galassia neofascista, composta da gruppi e da "associazioni" affini da loro create e dirette.


La lettera di invito dell'ANPI di Seveso