Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------




CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

giovedì 21 dicembre 2017

IL 21-12-017 IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA L'AMPLIAMENTO DEL PARCO REGIONALE DELLE GROANE SULLE AREE DELLA BRUGHIERA

Dopo il passagio in Commissione Agricoltura, Montagna Foreste e Parchi la Proposta di Legge 372 "Modifiche e integrazioni alla legge regionale 16 luglio 2007, n. 16 (Testo unico delle leggi regionali in materia di istituzione di parchi) - Ampliamento dei confini del parco regionale delle Groane e accorpamento della riserva naturale Fontana del Guercio e del parco locale di interesse sovracomunale (PLIS) della Brughiera Briantea" è approdata il 21-12-2017 al Consiglio Regionale della Lombardia ed è stata approvata con 48 voti a favore, un contrario e una mancata partecipazione su 50 presenti.
Con questa atto, una serie di aree della Brughiera nel territorio di 13 comuni (Cantù, Cermenate, Cucciago, Fino Mornasco, Vertemate con Minoprio, Cabiate, Carimate, Carugo, Figino Serenza, Lentate Sul Seveso, Meda, Mariano Comense, Novedrate) entrano a far parte del Parco Regionale delle Groane con le tutele previste. Grandate resta purtroppo escluso per la frammentarietà delle sue aree verdi.
Sinistra e Ambiente, da anni presente attivamente e propositivamente nel Comitato per il Parco Regionale della Brughiera accoglie positivamente questa notizia, frutto di un duro e continuo lavoro svolto da tutti i gruppi aderenti.
La nostra attività continuerà comunque con l'obiettivo di ottenere la tutela regionale anche sulle aree della Brughiera comprese nei Comuni di Alzate Brianza, Brenna, Capiago–Intimiano, Casnate con Bernate, Como, Lipomo, Montorfano, Orsenigo, Senna Comasco e Tavernerio al momento rimaste escluse dall'ampliamento a causa della mancata adesione delle amministrazioni.
Seguiremo con attenzione anche l'attività operativa dell'Ente Parco Regionale Groane nella sua nuova configurazione.

Sotto il comunicato del Comitato per il Parco Regionale della Brughiera
La mappa con le aree incluse nella tutela regionale delle Groane (verde chiaro) e di quelle escluse (rosa). Cliccare per ingrandire


La mappa ufficiale allegata alla delibera di Consiglio Regionale approvata il 21-12-017. Cliccare sopra per ingrandire

sabato 9 dicembre 2017

Il 9-12-017 a COMO CONTRO TUTTI I FASCISMI


Una manifestazione riuscita e partecipata quella del 9-12-017 a Como.
Una manifestazione contro il fascismo e le azioni squadristiche di questi ultimi giorni, tra le quali l'irruzione di un gruppo di neofascisti con la lettura di un farneticante volantino e con un atteggiamento intimidatorio nella sede di Como Senza Frontiere, coordinamento che si occupa di Profughi e Migranti.

Alla manifestazione erano presenti alcuni Ministri del Governo.
Ma non è di loro che vogliamo parlare, anche perchè per qualcuno l'appuntamento poteva costituire una facile  passerella mediatica.
Dal palco nessun intervento dei big, ma spazio ai rappresentanti dei gruppi e delle associazioni che, in prima linea, si occupano di Profughi e persone migranti e alla presidente dell'Anpi nazionale, Carla Nespolo.
Letture dei giovani poi di brani dei Resistenti e ispirati all'antifascismo. Tutto con la colonna sonora dei SetteGrani.

Ecco, oltre a visionare le foto del gruppo di Sinistra e Ambiente, presente alla manifestazione, vi invitiamo a leggere l'intervento di Anna Francescato di Como Senza Frontiere.


Emergency
Uno sguardo in zona palco
L'ANPI presente con molte sezioni
Un messaggio inequivocabile
Dopo un raccolto ne viene un altro - Alcide Cervi
Niente frontiere, stop alla deportazione, rifugiati benvenuti
Tra la gente e i gruppi
Tra la gente e i gruppi
Ora e sempre Resistenza.
Il gruppo di Sinistra e Ambiente c'è. CONTRO OGNI FASCISMO
Le medaglie al valore Partigiano della Valsesia
Con l' ANPI della Valsesia, insieme ai Partigiani caduti.
Dal palco suonano e, tra la gente qualcuno accompagna
Sul palco si parla di Resistenza
Dietro lo stadio di Como, una lapide ricorda un grande Resistente comasco torturato e fucilato dai nazifascisti
L'intervento di Como Senza Frontiere

sabato 2 dicembre 2017

ESCO: ALLA SCUOLA ANNA FRANK MENO CONSUMO ENERGETICO MA PIU' PM10


Dopo aver assegnato i lavori alla soc. Carbotermo, unica partecipante e vincitrice del bando ESCO (Energy Service Company) la ex giunta di Caimi, in data 27/5/2017 con la delibera 154 ha approvato il progetto definitivo/esecutivo elaborato dalla soc. Carbotermo per la "Riqualificazione e gestione energetica degli edifici di proprietà comunale".
Un progetto verificato e validato dall'Ufficio Tecnico del Comune il 24/5/2017 il cui obiettivo è di migliorare ed abbattere i consumi energetici di 8 edifici attaverso molteplici azioni ed interventi.
Tutti interventi posti in capo alla Carbotermo che investirà 2.554.080 euro ricevendo in cambio la gestione ventennale degli edifici pubblici con corrispettivo versamento da parte del Comune di Meda di un canone annuo di 416.000 euro basate sulle tariffe energetiche delle fatture d'utenza.
Una scelta amministrativa complessa che, purtroppo, non ha avuto, nonostante i molteplici solleciti, gli adeguati e tempestivi livelli di informazione per poterla valutare nei dettagli.
Fin qui la cronaca.

Ora però ci occupiamo dei lavori, contemplati nel bando ESCO, avviati e ultimati presso la scuola Anna Frank di via Giovanni XXIII previsto negli interventi ESCO.
Lì, tra gli interventi previsti, è stata ristrutturata la centrale termica e  sostituito il generatore di calore.
Purtroppo la scelta non è certo ottimale poichè come da progetto definitivo/esecutivo è stato installato un nuovo generatore di calore alimentato a biomassa e pellet che utilizzerà esclusivamente pellet, stoccati in due silos di carica esterni.

E' ormai noto a tutti che l'aria a Meda, sopratutto per il particolato PM10 e PM2.5, risulta di pessima qualità superando ampiamente e per periodi consecutivi i limiti previsti dalla normativa.
Tra i fattori che concorrono pesantemente a portare oltre i limiti la concentrazione di Polveri Sospese vi è proprio la combustione dei pellet.
L'incidenza della combustione dei pellet e in generale delle biomasse, è trattata dalla relazione 2015 dell'ARPA e dal rapporto annuale per la Provincia di MB del 2016.
Pertanto, la scelta dell'uso dei pellet come combustibile rischia di andare a contribuire al peggioramento dell'aria costituendo una vera e propria sorgente di emissioni di particolato oltretutto con una installazione in un luogo sensibile quale un edificio scolastico, parte del plesso Anna Frank-Diaz.
Insomma c'è una chiara ed evidente contraddizione: da un lato si punta a ridurre i consumi degli edifici più energivori per combattere l'emissione di CO2 ma dall'altra si introduce una sorgente d'inquinamento pressochè certa di PM10.

Indubbiamente il progetto definitivo/esecutivo presentato dalla Carbotermo meritava, quand'era ancora possibile, una valutazione e un'analisi più attenta e approfondita, chiedendo anche di vagliare l'uso e l'istallazione di tecnologia di riscaldamento a POMPA DI CALORE, una tecnologia pulita, ormai utilizzata pure in impianti per edifici scolastici, anche in ciclo combinato.