Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

mercoledì 15 ottobre 2014

EXPO: CONTINUANO CORRUZIONE E MALAFFARE

Si amplia l'inchiesta giudiziaria su Expo e vie d'acqua.
Ora Antonio Acerbo finisce agli arresti domiciliari unitamente a Dome­nico Mal­tauro, collaboratore "esterno" della soc. Maltauro e Andrea Castel­lotti della soc. Tagliabue.
Insomma Expo oltre a "mangiare la terra" continua a dimostrarsi un pozzo senza fondo per la corruzione e il malaffare. Ricordiamo che la Maltauro è presente anche nel raggruppamento di imprese che sta realizzando la Pedemontana.


Expo, ai domiciliari Antonio Acerbo,
ex responsabile del Padiglione Italia

—  Luca Fazio, MILANO, 14.10.2014

Milano. Nuova tegola giudiziaria. Arrestato il top manager già indagato per turbativa d'asta e corruzione. Lo stesso provvedimento colpisce un imprenditore e un manager. Il presidente dell'Autorità nazionale anti corruzione, Raffaele Cantone, adesso potrebbe decidere di commissariare le cosiddette "Vie d'Acqua", l'opera più contestata dell'esposizione universale che comunque verrà ultimata solo dopo il 2015.
Tutti ten­gono fami­glia in que­sto paese. Dun­que anche Anto­nio Acerbo, l’ex respon­sa­bile del Padi­glione Ita­lia dell’Expo ed ex com­mis­sa­rio dele­gato per il con­te­sta­tis­simo pro­getto delle “Vie d’Acqua”, finito ieri agli arre­sti domi­ci­liari nell’ambito dell’inchiesta con­dotta dai pm di Milano Clau­dio Git­tardi e Anto­nio D’Alessio. Lo stesso prov­ve­di­mento è scat­tato anche per l’imprenditore vicen­tino Dome­nico Mal­tauro e per Andrea Castel­lotti, mana­ger della società Taglia­bue. Secondo il gip del Tri­bu­nale, i tre potreb­bero “com­met­tere ulte­riori reati della stessa spe­cie”.

Anto­nio Acerbo, che era già finito nel regi­stro degli inda­gati per cor­ru­zione e tur­ba­tiva d’asta, e che il 2 otto­bre si era dimesso dalla carica di com­mis­sa­rio, pare abbia truc­cato le gare d’appalto in cam­bio di con­su­lenze per il suo figliolo (Livio). Secondo i pm non si inta­scava i soldi ma pre­ten­deva lucrosi con­tratti per le società del suo erede, e agli atti ci sarebbe la con­fes­sione dell’ad della società Taglia­bue. Prima che top mana­ger, è un padre. Intanto, l’impresa di costru­zioni Giu­seppe Mal­tauro riba­di­sce “la pro­pria estra­neità ai fatti” scri­vendo che “Dome­nico Mal­tauro non è dipen­dente dell’impresa e non rive­ste all’interno della mede­sima né di altre società del gruppo alcuna fun­zione, essendo tito­lare di una pro­pria atti­vità impren­di­to­riale con la quale col­la­bora con l’impresa Giu­seppe Mal­tauro”. Ecco un altro pro­blema di fami­glia, ma su scala aziendale.

L’ipotesi della Pro­cura di Milano — e l’evidente com­pli­carsi della situa­zione per uno dei mana­ger più impor­tanti nomi­nati per gestire l’esposizione uni­ver­sale che comin­cerà fra sei mesi — forse obbli­gherà il pre­si­dente dell’Autorità nazio­nale anti­cor­ru­zione Raf­faele Can­tone a pren­dere, final­mente, una deci­sione ope­ra­tiva. Tanto che ormai appare “pro­ba­bile” il com­mis­sa­ria­mento di uno dei tanti pro­getti inu­til­mente farao­nici pen­sati (male) per l’Expo mila­nese, le cosid­dette “Vie d’Acqua”, l’opera che più di altre ha pro­vo­cato con­te­sta­zioni dal basso mobi­li­tando cit­ta­dini, cen­tri sociali e asso­cia­zioni. Giro d’affari sti­mato: più di 100 per col­le­gare il sito dell’esposizione con la Dar­sena di Milano, obiet­tivo che comun­que a causa del ritardo nei lavori sarà rag­giunto (forse) dopo l’esposizione. “Potrebbe essere com­mis­sa­riato”, ma non è detto, per­ché Raf­faele Can­tone, come sem­pre, prima di pren­dere una deci­sione vuole vederci chiaro. Signi­fica che anche que­sta volta biso­gnerà atten­dere “una attenta let­tura dell’ordinanza” prima dell’eventuale com­mis­sa­ria­mento della com­messa vinta dalla Mal­tauro. Potrebbe essere riso­lu­tiva la riu­nione con­vo­cata dal governo che si svol­gerà domani pome­rig­gio a Milano per fare il punto sull’Expo, ci saranno il mini­stro Mau­ri­zio Mar­tina, lo stesso Can­tone, il com­mis­sa­rio unico di Expo Giu­seppe Sala, il com­mis­sa­rio di Padi­glione Ita­lia Diana Bracco, e poi Bobo Maroni e Giu­liano Pisapia.

Ma è impro­ba­bile che que­sta nuova “tegola” possa agi­tare più di tanto i ver­tici della poli­tica mila­nese e lom­barda. La vice­sin­daco di Milano, Lucia De Cesa­ris, è stata piut­to­sto chiara: “Si parla di un capi­tolo già chiuso, la per­sona era già fuori gra­zie anche a una forte presa di posi­zione del sin­daco Pisa­pia. Il sin­daco, infatti, aveva chie­sto ad Acerbo “un passo indie­tro” per “sal­va­guar­dare la repu­ta­zione del nostro paese”. Il pre­si­dente della Regione Lom­bar­dia, Roberto Maroni, invece non ha nes­sun com­mento da fare. Né può pre­oc­cu­pare la pro­vo­ca­to­ria pro­po­sta del por­ta­voce del M5S in regione, Andrea Fia­sco­naro, secondo cui gli ita­liani dovreb­bero almeno essere esen­tati dal pagare il biglietto per visi­tare i padi­glioni di Rho-Pero: “Abbiamo già pagato abbon­dan­te­mente per Expo in cor­ru­zione, malaf­fare, tan­genti e denaro pub­blico, i cit­ta­dini one­sti e la società sana è ves­sata da un carico fiscale ecces­sivo anche a causa della cor­ru­zione che ruota intorno ai nostri eventi e che ci rende il paese più cor­rotto d’Europa”.

E comun­que, quand’anche fos­simo in buona o pes­sima com­pa­gnia, lo stesso Raf­faele Can­tone ha pre­ci­sato che l’Enac non può fare alcuna veri­fica sugli appalti dei padi­glioni stra­nieri, cioè sulla stra­grande mag­gio­ranza dei lavori in corso (si sta lavo­rando giorno e notte per non cor­rere il rischio di fare una figu­rac­cia mon­diale). “Ci siamo posti que­sto pro­blema — ha ammesso Can­tone — e con il pre­fetto abbiamo chie­sto agli ammi­ni­stra­tori stra­nieri di effet­tuare con­trolli. Con alcuni paesi stra­nieri, pochi a dire il vero, abbiamo rag­giunto un’intesa: lad­dove ci sono osta­tive ven­gono segna­late alla sta­zione appal­tante, ma rimane comun­que un sistema poco efficiente”.

Da il Fatto Quotidiano

Nessun commento:

Posta un commento