Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

lunedì 15 dicembre 2014

SULLE ESONDAZIONI DEL TARO', ALCUNI INTERVENTI LOCALI POSSIBILI

Il Tarò (o Terrò) qualche ora dopo l'esondazione di novembre
Sulle recenti esondazioni del Tarò a Meda dell'8 luglio e del 15 novembre, abbiamo cercato di verificare insieme con il geologo Gianni Del Pero, consigliere del WWF regionale e persona che collabora attivamente anche con il gruppo di Sinistra e Ambiente, alcune cause LOCALI che unendosi alle intense piogge hanno contribuito a rendere la situazione critica.
Cause la cui rimozione è sicuramente opportuna per prevenire e cercare di far si che non contribuiscano a rendere future simili situazioni difficilmente gestibili.
Chiaramente la problematica va oltre l'ambito locale, ma anche per questo aspetto, come rimarca Del Pero, occorre valutare CON MOLTA ATTENZIONE quali siano gli interventi possibili e realmente utili per evitare che al dissesto idrogeologico si sommi un ulteriore e controproducente volonta di "grandi opere", idrauliche in questo caso, che consumano altro suolo libero.

Nel dettaglio, sugli aspetti di competenza amministrativa locale:

E' necessario richiedere con la massima urgenza alla Regione di ricostruire gli argini crollati e di riprofilare il letto del Tarò, abbassandolo, particolarmente in prossimità dei ponti di Via Luigi Rho, Via Cialdini, del tratto tombinato di Largo Europa, Via dei Cipressi e di Via Cadorna, dove gli interventi realizzati già dal 2000 da Regione Lombardia (l’ex Genio Civile) hanno modificato il regime della corrente.
La problematica è evidente, anche nei momenti di magra, la corrente rallenta prima dei ponti ed accelera, erodendo in cascata, subito a valle. Questa condizione ha innescato diversi fenomeni di rigurgito che hanno portato all’esondazione, proprio in corrispondenza dei ponti.
Meda: anno 1951
La situazione e le criticità sono documentate nelle diverse immagini, alle quali alleghiamo anche una foto "storica" che riprende l'esondazione del 1951 del Tarò con estese aree verdi tra Via Como e la ferrovia di Vicolo Luigi Rho, che nel tempo abbiamo consumato, contribuendo ad aumentare il rischio idrogeologico ed i danni alle proprietà costruite in adiacenza.

Un secondo livello di interventi può essere attuato immediatamente con la manutenzione delle vallette che scendono dall'altopiano del Parco della Brughiera che, essendo elementi del reticolo idrico minore, sono di competenza dei comuni.
Le interferenze dovute a questo stato di degrado idrogeologico e forestale sono state particolarmente evidenti con la piena dell’8 Luglio quando si sono verificate forti erosioni e notevole trasporto di fango. Fango e materiale forestale schiantato hanno contribuito al rigurgito della corrente all’altezza del ponte della Svizera, alla confluenza tra la Valle della Brughiera e il Tarò.
Ricordiamo che esiste un progetto preliminare di interventi di sistemazione idrogeologica e forestale, anche per la nostra città, redatto per il Parco della Brughiera nel 1997.
Purtroppo sinora gli interventi previsti sono stati realizzati solo a Cabiate e Mariano.
Più recentemente il Parco ha sviluppato e realizzato progetti per il suo territorio: Cabiate, Brenna e Carugo ne hanno beneficiato.
In questo modo si tiene sotto controllo il dissesto idrogeologico, si contiene il trasporto solido, in buona sostanza, si previene il rischio esondazioni operando in ambito locale.

Buona parte di queste osservazioni, Gianni Del Pero le ha formalizzate in una lettera scritta e protocollata al Sindaco Caimi.
Un analisi puntuale di critica alle dichiarazioni del Sindaco Caimi durante la fase di gestione dell'emergenza ma sopratutto un 'analisi che suggerisce e propone una serie di provvedimenti, di competenza comunale, da attuare per cercare di rendere tali fenomeni meno disastrosi per i cittadini e il territorio.

La Valle della Brughiera poche ore dopo l'esondazione
La Valle della Brughiera oggi, con il materiale trasportato dalle piene, 
materiale che ha contribuito ad ostruire il deflusso dal ponte della Svizera 
innescando il rigurgito e l'esondazione
Argini lesionati...che però sono anche muri perimetrali di edifici 
(una legge del 1904 richiederebbe di costruire, se proprio si deve, ad almeno 10 metri dai corsi d'acqua)
Questo fico ne ha davvero tanta di voglia ...... 
ma il posto nel quale è sbucato non è tra i migliori, 
anche se "il fertilizzante" non manca ....... ma chi deve pulire ? e quando ?
La corrente rallenta all'altezza del ponte de la Svizera.
La quota del torrente si avvicina a quella degli argini
rendendo più facile l'esondazione
Ponte di via Cialdini, solito fenomeno di innesco della corrente 
subito dopo la soglia rialzata antierosione
Ponte del "Cassina", Via Cadorna: anche qui la forza della corrente subito dopo il ponte
il cui letto è rialzato aumenta con energia e forza erosiva.
Il fondo anche se cementato viene scavato.
Un tratto dove l'argine è crollato con la piena dell'8 Luglio
La lettera del geologo Gianni Del Pero al Sindaco Gianni Caimi




Nessun commento:

Posta un commento