Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

martedì 12 luglio 2016

MEDA: LE DIFFICOLTA' DEL SINDACO CHE VUOLE LA PEDEMONTANA


Il sindaco di Meda Gianni Caimi, forse per evitare l'offuscamento, ma comunque in totale isolamento dagli altri sindaci della tratta B2 ed inizio C, ha deciso anch'egli di scrivere al Ministro alle Infrastrutture Delrio.
Evidentemente il ritorno mediatico della relazione del coordinamento ambientalista INSIEME IN RETE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE a Delrio sulle criticità, i disastri e gli sprechi della Pedemontana Lombarda lo hanno ispirato.
Sulla relazione di Insieme in Rete, anche Sinistra e Ambiente ha lavorato molto quale componente attiva del coordinamento.
Caimi il 5-7-016 scrive a Delrio con un obiettivo però differente.
Non chiede infatti la rinuncia al completamento dell'autostrada Pedemontana perchè, con ostinata volontà e in modo miope, alla realizzazione di questa infrastruttura lui e la sua amministrazione si sono legati mani e piedi.
La lettera di Caimi a Delrio serve per innescare ancora una volta la richiesta dell'esecuzione delle opere di viabilità complementare per Meda, comprese nei fondi - inesistenti - per il completamento della Pedemontana.
Per questo, in quel testo, oltrechè chiedere a Delrio l'attivazione del promesso tavolo sulla Pedemontana, tra le righe indica la facoltà del Governo per "un contributo al superamento delle criticità" trattandosi di un'opera strategica.
Insomma, anche se più sfumate, permangono le "granitiche certezze" di Caimi & C. sulla "strategicità" dell'autostrada continuando a non tener conto dell'attuale situazione che invece conferma l'inutilità di questa impattante infrastruttura (vedi rapporto a Delrio di Insieme in Rete).
Nella sua comunicazione a Delrio, sul rischio diossina poi, nemmeno una parola.
Del resto l'amministrazione Caimi ha un bisogno disperato che la pedemontana riparta perchè ad essa sono legate le opere di viabilità complementare costituite dalle due tangenzialine, quella nel quartiere Meda Sud e quella ad inizio via Manzoni e i due sottopassi alla linea ferroviaria di via Trieste e di via Seveso.
E' sopratutto quello di via Seveso/via Cadorna ad interessare Caimi perchè alla sua costruzione (con problematico spostamento dell'alveo del Tarò e rischio idrogeologico connesso) è vincolato il progetto da lui fortemente voluto del Centro Commerciale sull'area ex-Medaspan, (approvato in cc il 25-01-016 da Pd e PdL/NcD con il voto contrario e motivato di Sinistra e Ambiente) attualmente in fase di Piano Attuativo con il coinvolgimento anche di Regione Lombardia.
Ed è proprio Regione Lombardia ad avere introdotto il 23-12-2015 una prescrizione particolarmente indigesta per l'amministrazione Caimi: 
"In qualsiasi caso la realizzazione delle opere sostitutive di chiusura dell'attuale passaggio a livello sulla linea FNM (il sottopasso ndr) costituisce presupposto vincolante la possibilità di apertura della grande struttura di vendita in quanto interventi preordinati al miglioramento di standard di funzionalità e sicurezza ferroviaria/stradale già oggi compromessi che verrebbero ulteriormente penalizzati dall'incremento di carico veicolare atteso a regime sull'itinerario via Seveso/via Cadorna ".
Ci piace ricordare a Caimi che Sinistra e Ambiente, quando era in maggioranza, aveva chiesto più volte di svincolare le ipotesi di soluzione per la viabilità locale e sovraccomunale e per il superamento della linea ferroviaria delle Nord da quanto previsto nel "pacchetto pedemontana", proprio per l'incertezza totale e la inesistente credibilità rispetto alla reale necessità dell'infrastruttura autostradale.
Nella sua "indiscutibile volontà" l'amministrazione Caimi non ha mai permesso un approfondimento e un confronto nel merito che consentisse d'evidenziare soluzioni meno impattanti e con coperture economiche più certe.


Nessun commento:

Posta un commento