Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------




CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

martedì 21 luglio 2015

IN CONS. COMUNALE IL PD BLOCCA LA POSSIBILITA' DI DISCUTERE SULL'OPERATO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO



Il 20-07-015, tra gli ordini del giorno da discutere nella seduta di Consiglio Comunale v'era anche quello relativo alla "Valutazione dei comportamenti del Presidente del Consiglio Comunale di Meda, sig Bruno Molteni, ai fini della funzionalità ed efficacia dei lavori consiliari e delle commissioni".
Un odg proposto dai Consiglieri Colombo A, Busnelli V, Galimberti V, Busnelli M, Santambrogio L. per cercare di aprire un dibattito sull'operare del Presidente del Consiglio (NCD) che con i suoi interventi " a gamba tesa" ha nei fatti bloccato le dinamiche di lavoro delle Commissioni, svuotandole altresì delle loro potenzialità di lavoro e blindandole a tutto favore del Pd e della Giunta.
Il Pd è intervenuto però direttamente in soccorso di Molteni. 
Lo ha fatto con il capogruppo Sergio Venier che ha posto una "questione preliminare come da art.38", con tanto di richiesta di votazione.
Secondo il capogruppo Pd, non era infatti possibile discutere l'odg perchè sul Presidente del Consiglio ci si può esprimere solo con una "mozione di sfiducia" ai sensi dell'art 15 dello Statuto.
Ma i contenuti dell'odg proposto, non erano relativi ad una dichiarata "mozione di sfiducia" a Bruno Molteni bensì avrebbero consentito una discussione nel merito delle azioni di un Presidente del consiglio che s'è rivelato schierato con le volontà dell'esecutivo e quindi non equilibrato e conseguente votazione sulla valutazione negativa espressa dai firmatari.
Il gruppo consiliare del Pd, eseguendo le volontà del Sindaco e dello stesso Presidente del Consiglio e con la forza dei numeri, (8 + il Sindaco + Molteni) ha votato, imponendo il ritiro del punto all'odg, mentre i firmatari hanno abbandonato per protesta l'assise essendo altresì stata esclusa la possibilità di interventi in merito alla "questione preliminare" sollevata dal Pd.
Ormai è evidente che l'intesa tra il sindaco, l'esecutivo e il Presidente del Consiglio Molteni (NCD) è caratterizzata dalla reciproca copertura politica e che il ruolo istituzionale di Molteni è servito e serve a Caimi per riconfigurare le Commissioni, controllarle e sterilizzarle facendole diventare pure assise "alla bisogna".
Su questa linea, s'è appiattito l'intero gruppo consiliare del Pd, incapace di qualsivoglia azione che abbia al centro l'essere prima di tutto Consiglieri Comunali che cercano un equlibrio tra esecutivo e consiglio.
Subito dopo, gli stessi consiglieri del Pd hanno poi votato altre proposte di modifica "tombali" del Regolamento guardacaso anch'esse elaborate da Molteni, in qualità di Presidente.

Nei fatti, a Meda c'è una nuova maggioranza Pd-Molteni (NCD).
Una maggioranza indicibile (per il Pd) perchè differente rispetto alle volontà espresse degli elettori nel 2012 che votarono per una coalizione con al suo interno anche Sinistra e Ambiente.
Una giravolta del Pd e di Caimi che ora preferisce la stretta alleanza con Molteni.

1 commento:

  1. Il legame che unisce il Sindaco Sig. Gianni Caimi e il Presidente del Consiglio Comunale Dr. Bruno Molteni ha radici che affondano nel passato lavorativo di entrambi presso l'Ospedale di Giussano dove si erano già resi complici di "strane alleanze" quando uno si dilettava di Sindacato e l'altro di Direzione e ora la storia si ripete sempre con le stesse finalità: mantenere la propria posizione di comodo.
    Basta aspettare le prossime elezioni per vedere quale sarà la reazione non tanto del Sindaco Caimi ma di Colei che rappresenterà il PD nel prossimo Consiglio Comunale quando, all'opposizione, tuonerà contro il Regolamento Comunale che favorirà la Giunta e bloccherà l'attività delle opposizioni dimenticandosi che oggi Lei stessa è stata l'artefice dello stravolgimento del Regolamento stesso.
    Si tratta di chiara miopia politica di persone che, senza ua adeguata preparazione tecnica e con scarsa capacità politica, preferiscono occupare la res publica invece di gestirla.
    Unica consolazione, alquanto amara, è che tali personaggi sono presenti in tutti gli schieramenti politi sia locali che a livello sovracomunale.
    Sperem ....... avrebbero detto i nostri nonni

    RispondiElimina