Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------




CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

sabato 22 dicembre 2018

GOVERNO E DPEF: QUANDO GLI "ANNUNCI" TENTANO DI COPRIRE LA REALTÀ


Alla fine, dopo un recente passato di roboanti quanto inutili e puerili affermazioni contro le contestate ingerenze della Commissione Europea (ricordate: " la manovra del popolo","non si arretra di un millimetro", "abbiamo abolito la povertà", "è arrivata la lettera di Bruxelles? Va bene, aspettiamo quella di Babbo Natale" etc. etc.) il governo Conte, supportato da M5S e Lega ha dovuto, per evitare la procedura d'infrazione,  andare giocoforza ad una trattativa con la Commissione Europea.
Trattativa che ha modificato pesantemente numeri e obiettivi contenuti nel Documento di Programmazione Economico – Finanziaria - DPEF, a partire dal deficit previsto che passa dal 2,4% al 2.04 % poi arrotondato a 2% ma sopratutto con la previsione di sviluppo per il 2019 che scende da un irreale 1,5% all'1%.
La clausola di garanzia, in sostanza l’aumento dell’Iva, viene poi estesa all’intero triennio '019-'020-'021 e il pacchetto di dismissioni promesso è stato aumentato.
Anche le misure "simbolo " del DPEF - sussidio di povertà detto impropriamente “reddito di cittadinanza” e quota 100 - subiranno slittamenti nell'applicazione e tagli delle risorse assegnate.
La legge di bilancio viene quindi riscritta rispetto alla versione iniziale e verrà presentata all'ultimo momento, senza passaggio in Commissione Bilancio, come un "maxiemendamento con voto di fiducia"  dai contenuti e dettagli fino all'ultimo sconosciuti ai parlamentari e anche ai cittadini.
Chi negli anni passati chiedeva e rivendicava  (giustamente) la centralità del Parlamento nei suoi due rami di Camera e Senato, ora una volta divenuto maggioranza, si sta comportando in perfetta continuità con i predecessori, concentrando e gestendo l'attività di Governo con l'utilizzo costante della fiducia, nel caso specifico del DPEF addirittura chiedendo l'espressione di voto su di un documento importantissimo che verrà conosciuto nel merito solo all'ultimo, senza alcuna possibilità di confronto e di emendabilità.
Eppure, anche con questa situazione, politicamente imbarazzante, sia dal fronte M5S sia da quello della Lega, il vicepresidente Di Maio  preferisce lanciarsi ancora in spericolati quanto patetici e manipolatori annunci ad uso dei social che ripropongono, con elenchi sommari, lo stile dell'efficientismo berlusconiano mentre l'altro vicepremier preferisce trastullarsi con inaccettabili attacchi a testate giornalistiche che hanno raccontato una verità differente rispetto alla sua ossessione elettoralistica su profughi e richiedenti asilo. 
Del resto, questo governo vuole azzerare in quattro anni il fondo dell’editoria costituito presso la presidenza del Consiglio.
Verrebbero così proprio penalizzate, pregiudicandone l'esistenza, le testate gestite in forma di cooperative giornalistiche e molti giornali locali più piccoli, .


Con questa manovra «sovranista» ha vinto il fiscal compact

Legge di bilancio. Gli italiani pagheranno un prezzo altissimo. 
Il taglio alle previsioni di bilancio è vistoso, ma è niente rispetto 
alla cambiale che il governo ha sottoscritto per l’intero trienni

Luigi Pandolfi  Edizione del 21.12.2018

Capitolazione rispetto alle previsioni della Nota al Def e della prima bozza di manovra e assoggettamento del Paese alla vigilanza della Commissione per i prossimi tre anni. La procedura di infrazione è stata evitata, ma il prezzo pagato dagli italiani è altissimo. I commissari europei hanno concesso al governo «sovranista» di sventolare alcune bandierine da qui alla prossima campagna elettorale per il rinnovo del parlamento europeo, in cambio dell’iscrizione di una pesante ipoteca sugli esercizi successivi a quello cui la la manovra si riferisce.

LA CURA DIMAGRANTE imposta alle previsioni di bilancio è vistosa (10,2 miliardi, dei quali 2,7 dal fondo per le pensioni e 1,9 da quello per il reddito di cittadinanza), ma è niente rispetto alla cambiale che il governo ha sottoscritto per l’intero triennio. La clausola di salvaguardia su Iva e accise viene sterilizzata soltanto per il 2019. Per gli anni a seguire (2020-21), la stessa, rivista al rialzo, farà da barriera a qualsiasi intento «espansivo» del governo. Sarà un cappio al collo del Paese che si stringerà automaticamente qualora si decidesse di non rigare dritto, secondo le regole europee.
I numeri sono da brividi. 23 miliardi nel 2020, addirittura 29 l’anno successivo (l’aliquota agevolata, ora al 10%, passerebbe dal 2020 al 13%, mentre quella ordinaria, oggi al 22%, salirebbe nel 2020 al 25,2% e nel 2021 addirittura al 26,5%). E non è tutto. Sempre dal 2020, ci sarà un aumento delle accise per un valore di 400 milioni di euro all’anno (alla faccia del taglio promesso da Salvini).
FINITA? MACCHÉ. Ci hanno detto che lo stanziamento per il reddito di cittadinanza (misura giusta in linea di principio ma congegnata male) era «sovrastimato» nella prima bozza della legge di bilancio, perché calcolato per l’intero anno.
Partendo da aprile, secondo i «nuovi» calcoli, sei miliardi dovrebbero bastare a coprire il costo della misura. Il che porterebbe a concludere che per gli anni successivi di miliardi ce ne vorrebbero di più. E invece no. Lo stanziamento si riduce di circa un miliardo nel 2020 e di 683 milioni nel 2021. Avranno calcolato che migliaia di persone troveranno un lavoro in poco più di sei mesi proprio «grazie» al sussidio di povertà. La fantasia al potere.

NON VA MEGLIO sul versante degli investimenti, quelli che avrebbero dovuto sostenere la crescita e l’occupazione. Il taglio è draconiano: 4 miliardi in meno, tra Fondo investimenti delle amministrazioni centrali, Fondo Sviluppo Coesione, cofinanziamento dei fondi europei e fondi per le Ferrovie dello Stato.
DUE MILIARDI (tra vari ministeri), invece, saranno congelati a titolo «cauzionale», per coprire eventuali sforamenti del deficit nominale ritoccato al 2,04% (di fatto al 2%, perché i quattro decimali non si calcolano). Potranno essere sbloccati solo dopo l’esito positivo di una seconda verifica sull’andamento dei conti pubblici fissata a luglio.

E POI, DISMISSIONI (1,25 miliardi in tre anni), blocco delle assunzioni nella pubblica amministrazione, tagli all’adeguamento all’inflazione per le pensioni sopra i 1500 euro, abrogazione del credito d’imposta per l’Irap e azzeramento di quello per l’acquisto di beni strumentali, tassa dei rifiuti nella bolletta della luce per i comuni in dissesto. Misure che fanno la differenza, al netto di provvedimenti giusti, ma solo in termini simbolici, come il prelievo sulle pensioni d’oro (76 milioni) e la tassa sui «colossi del web» (150 milioni).
Rigore finanziario (o «austerità», se rende meglio l’idea) che, nel triennio, dovrà tradursi in risparmi per un valore di 38,4 miliardi di euro. Un risveglio amaro per milioni di italiani, dopo mesi di propaganda sovranista un tanto al chilo (costata 1,5 miliardi di euro di interessi in più solo quest’anno).
VINCE il fiscal compact (e i mercati). Dalla promessa di un deficit nominale al 2,4% «per tre anni», come medicina contro la stagnazione, si è arrivati a stimarne una discesa fino all’1,5% nel 2021. Significherà che il «deficit strutturale» (al netto dei fattori ciclici e delle misure una tantum), quello che vale veramente per l’Europa, dovrà avvicinarsi il più possibile allo zero.
Osservati speciali. Nessun ufficio della Troika a Roma, per carità, ma un Paese sottoposto al controllo rafforzato delle istituzioni europee per i prossimi tre anni. Il sovranismo italiano, alla prova decisiva, si è rivelato una «tigre di carta».

Nessun commento:

Posta un commento