Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------




CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

martedì 28 settembre 2010

Lega Nord: OCCUPAZIONI “MANU MILITARI”

Meda 23/09/010
OCCUPAZIONE  “ MANU MILITARI ”
del territorio, dei posti nelle Amministrazioni, 

della cultura e della finanza
e ..... FINANZIAMENTI PUBBLICI a pioggia 

per la "scuola padana" della moglie di Bossi.

Dopo l’eclatante caso della SCUOLA PUBBLICA di ADRO (BS), INDEBITAMENTE e ILLEGALMENTE marchiata su ogni suppellettile ed ingresso, con il simbolo (di proprietà LEGA NORD) del sole delle alpi, si moltiplicano le azioni del partito di Bossi, con l’evidente intenzione di CONTROLLARE ed IMPORRE sia i suoi fidi sia la sua “visione” della società.

SCUOLA PUBBLICA di ADRO (BS)

Scuola di Adro: portarifiuti

Scuola di Adro: ingresso
Ad Adro s’è fatto SCEMPIO del concetto di SCUOLA PUBBLICA per TUTTI con una pura manipolazione di una struttura scolastica per fini politici, per fare propaganda contro il “diverso”, contro chiunque abbia una cultura diversa, fregandosene altamente del fatto che una scuola statale deve essere di tutti, deve essere obbligatoriamente laica, nessun partito deve appropriarsi di uno spazio dello Stato per metterci simboli destinati al proselitismo politico.

ASSEGNAZIONE DI POSTI NELL’AMMINISTRAZIONE LOCALE

L’appartenenza e/o la vicinanza politica è stato invece il criterio applicato nell’assegnazione di posti nell’Amministrazione di Brescia (altro feudo leghista). Sulla vicenda, dettagliato l’articolo che sotto proponiamo.

TENTATIVO DI CONTROLLARE UNICREDITO

Di questi giorni l’assalto alla banca UNICREDITO, ove le 2 fondazioni della Cassa di Risparmio di Verona e di Torino, (azioniste di Unicredito, controllate dai referenti di COTA e ZAIA della Lega) stanno tentando d’avere più voce in capitolo sullo stesso istituto. La Lega vuole un controllo suo più stretto sulla finanza, perché le banche consentono, in modo diretto, di pilotare l’economia e lo sviluppo d’un territorio (vedi allegato articolo del Manifesto).

Il tutto riassumibile con uno slogan: PREDONI A CASA NOSTRA e, se possibile, anche altrove !

SINISTRA e AMBIENTE Meda

-------------------------------------------------------------------------------------------------

ROMA LADRONA o LEGA LADRONA  ?

IL VIZIO DI BOSSI DI SISTEMARE
LA FAMIGGHIA HA FATTO SCUOLA FRA I LEGHISTI.

Otto posti in palio alla provincia di Brescia come impiegati, al concorso si presentano in 240, alla fine solo otto ottengono il posto e tra questi ci sono cinque ragazze “vicine” alla Lega.

Tutte figlie di, amiche di, parenti di. Non solo. Secondo quanto raccontata il gruppo di cittadini ‘Tempo Moderno’ (il cui referente è l’avvocato Lorenzo Cinquepalmi, dirigente del Psi di Brescia) tra i primi 14 classificati, ben 7 candidate sono riconducibili a fede o frequentazione leghista e nella classifica finale sarebbero stati “depennati” i candidati “non leghisti”.

Cronaca di un concorsone indetto nel 2008. C’è già chi urla allo scandalo e parla di “Carrocciopoli”, il resto è cronaca dall’Amministrazione provinciale di Brescia per l’assunzione di otto istruttori amministrativi (qualcosa di simile all’impiegato di concetto, per capirsi). Poco dopo la pubblicazione del bando di concorso arrivano le candidature: oltre settecento. Poi ci sono le prove scritte e si presentano in 240. Una prima scrematura di polso viene fatta proprio qui e a contendersi quegli otto posti alla provincia rimangono in 38. Si passa dunque agli esami orali e poi esce la classifica finale. Siamo al 4 febbraio 2010 e la classifica viene pubblicata sul sito della Provincia di Brescia, dove nel frattempo è arrivato il nuovo presidente, leghista, Daniele Molgora.

Salta subito all’occhio che tra quegli otto fortunati che otterranno il posto, ci sono ben cinque ragazze col marchio “padania” stampato in fronte.
A raccontarlo è ancora il gruppo ‘Tempo Moderno’ e sull’argomento arriva anche, sul sito BresciaPoint la denuncia, in un commento a un articolo, di una ragazza che dice di essere Margherita Febbrari, decima classificata e quindi esclusa dal lavoro. La ragazza, nei commenti sul sito BresciaPoint, lamenta di non aver avuto abbastanza “spinte” per poter accedere tra i primi otto posti.
Ma vediamo chi sono le “fortunate” vincitrici stranamente tutte vicine al Carroccio.
Come racconta “Il Riformista”.

All’ottavo posto si classifica Sara Grumi, figlia di Guido Grumi, assessore di Gavardo candidato della Lega Nord alle recenti elezioni regionali, e già assegnataria di un incarico a termine di collaborazione con l’Amministrazione provinciale bresciana.

Al sesto posto (il settimo è occupato da un candidato non in quota Lega) c’è Katia Peli, nipote dell’assessore leghista provinciale Aristide Peli, assunta fin dal 2004 dall’Amministrazione provinciale bresciana come portaborse dello zio. Al quinto posto poi troviamo Silvia Raineri, capogruppo della Lega nel Consiglio Comunale di Concesio, ma anche capogruppo leghista alla circoscrizione Nord del Comune di Brescia e coordinatrice della commissione sicurezza civica e bilancio nonché moglie di Fabio Rolfi, vicesindaco e assessore leghista del Comune di Brescia.
Si arriva così alla vetta della graduatoria.
Al primo e terzo posto ci sono rispettivamente Cristina Vitali e Anna Ponzoni, entrambe impiegate con un contratto ad personam presso l’assessorato provinciale alle attività produttive, retto dal leghista Giorgio Bontempi.

Una strana coincidenza ?

-------------------------------------------------------------------------------------------------


-------------------------------------------------------------------------------------------------
Quel silenzio sulla Lega

di Piero Ignazi  Tratto da l'Espresso (17 settembre 2010)

Le volgarità di Bossi, il crack Credinord, il flop delle ronde, gli amministratori inquisiti. Ma nessuno ne parla più

C'è una sorta di "spirale del silenzio" nei confronti della Lega Nord. Non che della Lega non si parli, tutt'altro. Ma se ne parla solo bene. Nessuno si azzarda a criticarla a muso duro. La "spirale del silenzio", espressione coniata negli anni Sessanta dalla politologa tedesca Elisabeth Noelle-Neumann, indica quel timore reverenziale a esprimere critiche nei confronti di qualcuno o qualcosa che "va per la maggiore". E’ la paura di apparire minoritari e fuori gioco a far scattare un atteggiamento di compiacenza-adeguamento nei confronti di ciò che si ritiene il parere dei più. In questo modo le opinioni dissenzienti ammutoliscono per non essere ostracizzate dal benpensare della maggioranza.

Oggi la Lega gode di una situazione di questo tipo. Dopo i suoi ultimi successi elettorali si
è scatenata una corsa ad esaltarne le doti, anche a sinistra: dal modello di partito forte e radicato alla nuova e capace classe dirigente, dalle grandi intuizioni politiche al legame con il territorio, e via di questo passo. Alla Lega si consente tutto perchè a criticarla non solo si viene coperti di insulti (e di minacce) ma si viene anche irrisi come quelli che "non hanno capito come va il mondo". Più o meno è lo stesso atteggiamento di sufficienza e di scherno che i post-sessantottini riservavano a chi non credeva nella rivoluzione imminente e nel salvifico libretto rosso di Mao.

Di conseguenza ora un ministro della Repubblica come
Umberto Bossi può impunemente esibirsi in gesti volgari senza che venga chiamato dall'opinione pubblica informata o dalla classe dirigente di questo paese a renderne conto e, come minimo, ad esprimere pubbliche scuse. Ve lo immaginate il ministro di un altro paese europeo immortalato in quel gesto? E se anche accadesse, per quanti nanosecondi potrebbe rimanere in carica? Anche questo, oltre alle ormai consuete buffonate internazionali del nostro premier, ci separa e allontana dall'Occidente (in fondo i nostri migliori amici non sono Putin e Gheddafi?...).

L'assordante fanfara sulle magnifiche sorti e progressive della Lega nasconde per
ò un crescendo di stonature.

Già è stato steso un velo misericordioso sui lutti finanziari prodotti dalla Credinord, la banca della Lega fallita miseramente e rilevata da quell'ineffabile personaggio dei "furbetti del quartierino" che risponde al nome di Gianpiero Fiorani (Popolare di Lodi e AntonVeneta). Eppure Bossi adesso vuole "entrare nelle banche", cioè tornare alla vecchia lottizzazione. E nessuno fiata.

Persino la sicurezza, tema centrale dell'
appeal leghista, mostra qualche crepa. La soluzione miracolista sostenuta a gran voce dal Carroccio era rappresentata dalle ronde. Dopo più di un anno sembra ne abbiano avvistata una a Varazze. Del resto, come era prevedibile, questo tema è scomparso dai telegiornali e dai quotidiani. Ovviamente non perchè i reati siano crollati ma semplicemente perchè sono occultati.

 Ilvo Diamanti ha più volte dimostrato il nesso strettissimo tra lo spazio dedicato dai mass media ai crimini e la percezione di insicurezza. Dopo essere stata al centro delle cronache per tutto il periodo del governo Prodi, ora di sicurezza non se ne parla più: Tg1 e Tg5 hanno più che dimezzato lo spazio a queste notizie. E l'opinione pubblica si mostra più tranquilla. Indipendentemente dal numero dei reati.

Altro mito leghista,
è la qualità della sua classe dirigente: giovane, onesta, capace, motivata.
Sono passati pochi mesi dall'ingresso trionfale in tante amministrazioni locali che già affiorano scandali, malversazioni e corruzione, oltre a pericolosi inquinamenti della malavita organizzata, come svelato dal blitz contro la 'ndrangheta nel luglio scorso.
Quisquilie per i dirigenti leghisti, che badano al sodo e, soprattutto, si curano dei padani in erba.

Non solo la scuola leghista di Bosina fondata dalla moglie di Bossi e presieduta dall'ex senatore leghista Dario Galli ha ricevuto quest'anno 800 mila euro di finanziamenti (mentre si tagliano fondi a quelle statali). Ma addirittura le scuole comunali diventano luoghi di indottrinamento politico: ad Adro è stata inaugurata una scuola pubblica - di tutti - che sembra un campo di rieducazione politica, con simboli del partito impressi ovunque.

Orbene, di fronte alle volgarità, ai fallimenti e all'aggressività illiberale leghista sarebbe tempo di rompere la spirale del silenzio.

Nessun commento:

Posta un commento