Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

martedì 4 marzo 2014

SUCCEDE IN BRIANZA: 'NDRANGHETA E AFFARI CON UNA "BANCA" CLANDESTINA A SEVESO



Di nuovo, di nuovo una retata contro la 'ndrangheta in Brianza. Una 'ndrangheta che fa affari d'oro proprio da noi, riciclando denaro di provenienza illecita offrendo pure un vero e proprio "servizio" anche a imprenditori pronti ad utilizzare questo canale per evadere il fisco. Non manca poi l'aspetto di "investimenti" in aziende e di infiltrazioni nel settore edilizio e ........... i contatti con la politica.
Sotto, quanto uscito sulla stampa.

-----------------------------------------------------------------------------
05/03/014  da MBNews

Massimo Ponzoni “aiutato” da un uomo del ‘Ndrangheta: parola del boss banchiere

Massimo Ponzoni "aiutato" da un uomo del 'Ndrangheta: parola del boss banchiere
C’è il nome di Massimo Ponzoni nelle intercettazioni tra il boss banchiere della Ndrangheta della locale di Desio Giuseppe Pensabene e un suo sottoposto. A pagina 112 dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Milano il 4 marzo scorso nei confronti degli ultimi 33 esponenti della Locale di Desio rimasti fuori dalla maxi inchiesta Infinito, Pensabene nel 2010 alla vigilia delle operazioni Crimine e Infinito parla in auto con l’amico. L’argomento è Tino Zema, arrestato nel 2000 dai Ros di Reggio Calabria nell’ambito di un’inchiesta sulla cosca di Melito Porto Salvo degli Iamonte. Zema ai tempi era stato assessore all’Urbanistica di Cesano Maderno. Poi aveva lasciato la politica per darsi alle costruzioni edili ma ultimamente, dopo il carcere, aveva iniziato ad avere un declino politico e finanziario. Pensabene spiega così la vicenda. Scardino chiede: «Ma è in difficoltà Tino Zema?» Pensabene risponde: «Ti racconto brevemente la vita di Zema. Lui era una persona importante in zona, ma l’hanno bruciato, la magistratura siccome i parenti, quello là, il suocero era il capo qui di Desio…». «A livello di costruzioni?» «No, a livello di tutto, i fratelli sono i Moscato, parenti degli Iamonte. Insomma l’hanno arrestato e l’hanno bruciato. eppure lui ha portato una persona al vertice, uno che è oggi al vertice qua e si chiama…questo qua è il braccio destro di Formigoni…aspetta Ponzoni Ponzoni si chiama Massimo Ponzoni…lo ha appoggiato forte Zema, tutte le amicizie sue, i voti suoi, glieli ha dati tutti a questo Ponzoni, poi hanno litigato e…». Una circostanza che nella prima indagine Infinito era stata richiamata in altre intercettazioni che, tuttavia, a livello processuale non hanno avuto seguito. Nel resto dell’ordinanza, comunque, si comprende bene come i “sopravvissuti” ad Infinito nella zona di Desio, Pensabene in testa, abbiano continuato ad operare in traffici meno vicini alla politica, e più sofisticati. Primo tra tutti il prestito del denaro ad usura agli imprenditori in difficoltà con la ormai famosa “banca” del nero organizzata a Seveso e di cui Pensabene era il “presidente”.

-------------------------------------------------------------------
04/03/014


Da Repubblica.it
 
Milano, scoperta la banca della 'ndrangheta: 
riciclava il denaro degli imprenditori, 34 arresti

Dalle carte dell'indagine, coordinata dall'aggiunto Ilda Boccassini, emerge una 'nuova mafia' che spara poco e tratta molto con il mondo produttivo. L'intercettazione: "Il capo è come la banca d'Italia"

di PIERO COLAPRICO

4 marzo 2014

E' una retata anti-ndrangheta che sembra avere aspetti incredibili. La squadra Mobile di Milano ha chiuso - queste le prime indiscrezioni - una specie di 'banca autonoma' della 'ndrangheta. Era a Seveso (in provincia di Monza e Brianza) ed era gestita da un'organizzazione capace sia di riciclare con facilità il denaro di imprenditori che volevano evadere il fisco, sia di prestare soldi e di reinvestire in aziende sane. Gli ordini di cattura riguardano 34 persone.

"Come la banca d'Italia". Il perno sul quale ruota l'indagine è Giuseppe Pensabene, ex soldato della famiglia Imerti nella guerra di 'ndrangheta, diventato però al Nord un usuraio-ragioniere, capace di tenere a freno le armi e usare la testa. In un'intercettazione viene definito "come la banca d'Italia" ed era anche il reggente della Locale di Desio, il clan in larga parte sgominato dall'inchiesta Infinito. L'espressione viene ripresa anche dal gip Simone Luerti che nell'ordinanza di custodia cautelare scrive di Pensabene e del suo gruppo criminale: "Hanno operato come una vera e propria banca clandestina".

Imprenditori collusi. 
Coinvolto, e non è la prima volta, il mondo delle attività produttive: già un anno fa Boccassini aveva lanciato un avvertimento in questo senso. Una decina sarebbero, infatti, gli imprenditori arrestati, proprio con l'accusa di riciclaggio o di concorso in associazione mafiosa. Come sinora non hanno parlato loro, così nessuna denuncia è stata presentata da altri imprenditori o commercianti vittime di usura: alcuni si erano messi al servizio del clan. Sembra anche che, per la prima volta in maniera così vasta, ci siano sequestri preventivi di beni mobili e immobili del valore di alcune decine di milioni di euro, sia in Lombardia che in Calabria, ai danni delle persone finite nell'inchiesta firmata dai magistrati D'Amico e Ilda Boccassini. Nell'ordinanza del gip Luerti è citata un'intercettazine di Pensabene nella quale il boss spiega che è necessario infiltrarsi "come polipi" che "si devono agganciare dappertutto, i tentacoli devono arrivare dappertutto, ci sono le condizioni per poterlo fare". Secondo il giudice questa frase dimostra "come l'associazione mafiosa" aveva cercato anche e soprattutto di penetrare nel tessuto economico per gestire e controllare le più svariate attività e aggiudicarsi appalti e lavori pubblici nei settori edilizio, dei trasporti della nautica e delle energie rinnovabili.

Il meccanismo della frode al fisco. A servirsi della sua banca clandestina con addentellati anche all'estero (in Svizzera e nella Repubblica di San Marino) erano numerosi imprenditori incensurati. Alcuni si sono rivolti al clan con questo schema: emettevano assegni alle sue società e, in cambio di una percentuale del 5 per cento, riavevano indietro il denaro contante. Facevano, cioè, figurare spese corpose, ma inesistenti nella realtà, per frodare il fisco. Lo stesso sistema, in piccolo, della frode sulla compravendita dei diritti televisivi che ha visto condannare Silvio Berlusconi. Nessuna denuncia è stata presentata da altri imprenditori o commercianti vittime di usura: alcuni si erano messi al servizio del clan.

"Nuova mafia". 
Il gip, dopo aver letto le intercettazioni, parla di "nuova mafia". I reati contestati, che vanno dall'associazione mafiosa, al concorso esterno in associazione mafiosa, dal riciclaggio all'esercizio abusivo del credito, dall'usura alle estorsioni, dal contrabbando all'interposizione fittizia di società e di beni immobili, mostrano sì la violenza di qualche pestaggio, e raccontano di armi nascoste, ma spiegano soprattutto come l'omicidio sia visto ormai come l'estrema e dannosa soluzione. "Non è che manca chi deve andare a sparare, non è che il problema è solamente sparare, le conseguenze sono dopo", dice Pensabene, che spesso viene chiamato per mettere pace tra clan, tra vari estorsori, tra chi si contende il potere della mala.

Gli uffici postali. Se i luoghi di ritrovo del clan sono un bar di Bovisio Masciago, o un locale a Seveso che loro stessi chiamano "il Tugurio" (è qui che sono state piazzate le microspie, è qui che si vedono i criminali contare i soldi), bisogna però considerare che i boss mantenevano un alto tenore. Ma, tra gli aspetti inediti di questo blitz, c'è il rapporto dei clan con le Poste. In queste ore stanno finendo nei guai alcuni dirigenti di uffici postali della Brianza: in barba a qualsiasi normativa, consegnavano agli imprenditori-usurai-banchieri anche centomila euro alla volta, in contanti. Il vorticoso giro di denaro ha lasciato numerose tracce, si parla di un impiegato corrotto (ma non è stato identificato) mentre il direttore e il vicedirettore dell'ufficio postale di Paderno Dugnano definiti "a disposizione delle cosche" sono finiti agli arresti domiciliari.

La Spal, il Genoa e la Nocerina. Secondo le prime indiscrezioni, nel "tugurio" si è presentato, a nome della Spal, società calcistica, Giambortolo Pozzi, direttore generale, chiedendo soldi e parlando di un prestito di 100mila euro già concesso: era il 2011, la Spal di lì a poco sarebbe stata ceduta. Anche il vicepresidente esecutivo del Genoa ed ex presidente del Varese, Antonio Rosati, è coinvolto nell'inchiesta. Il gip scrive che Rosati risulta "in rapporti di affari con Pensabene" e lo cita come un imprenditore "con il quale l'associazione mafiosa concordava di operare alcune speculazioni edilizie". Vittima dell'usura, invece, Giuseppe De Marinis, uno dei responsabili della società Mexoil e che è stato in passato presidente della Nocerina, che avrebbe subito un violento pestaggio per un debito usurario da parte degli uomini del clan. Nell'ordinanza del gip si legge che a De Marinis sarebbe stata causata una "lesione grave come il distacco della retina ad un occhio".

----------------------------------------------------

Da Il Giorno
'Ndrangheta in Lombardia: 40 arresti.
Banca clandestina a Seveso: 
giro d'affari da centinaia milioni di euro

Maxi operazione della Polizia di Stato, 40 arresti. Nella banca clandestina venivano riciclati i proventi delle estorsioni e dell'usura, grazie ad un'ampia rete di società ma anche alla collusione di imprenditori e di impiegati postali e bancari. Gli arrestati sono dei presunti appartenenti alla 'Ndrangheta operanti in Lombardia che avevano assunto anche la reggenza della "locale" di Desio.

Milano, 4 marzo 2014 -

'Ndrangheta in Lombardia, blitz in Brianza. La Polizia di Stato di Milano, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, ha eseguito numerosi arresti nei confronti di appartenenti alla ‘ndrangheta operante in Lombardia, e in particolare in Brianza. Eseguiti anche sequestri di beni (mobili, immobili e società) del valore di decine di milioni disposti dal gip del Tribunale di Milano, oltre a decine di perquisizioni.

L'inchiesta ha portato all'emissione di ordinanze a carico di 40 persone (21 in carcere e 19 ai domiciliari). Gli investigatori hanno scoperto a Seveso (Monza e Brianza) una vera e propria "banca clandestina", in cui venivano riciclati i proventi delle estorsioni e dell'usura, grazie ad un'ampia rete di società ma anche alla collusione di imprenditori e di impiegati postali e bancari. Gli arrestati sono dei presunti appartenenti alla 'Ndrangheta operanti in Lombardia che avevano assunto anche la reggenza della 'locale' di Desio. (Le immagini dell'operazione)

LA BANCA CLANDESTINA - Giuseppe Pensabene (presunto capo del clan) e il suo gruppo criminale, spiega il gip, ''hanno operato come una vera e propria banca clandestina''. Si faceva chiamare "Banca d'Italia", a Seveso, attraverso cui riciclare denaro sporco, non solo esportandolo in Svizzera e San Marino ma venivano anche reimpiegati dall'organizzazione attraverso l'acquisizione di attività economiche nel settore edilizio, negli appalti e nei lavori pubblici, nei trasporti, nella nautica, nelle energie rinnovabili e nella ristorazione. Secondo gli inquirenti, i membri dell'organizzazione avevano anche organizzato una raccolta di denaro per sostenere i familiari di 'ndranghetisti detenuti.

IL SILENZIO DEGLI IMPRENDITORI - "Nessuno degli imprenditori o commercianti vittima di usura ha mai presentato denunzia all’autorità giudiziaria’’. L’omertà degli imprenditori, spiega il giudice, "si spiega chiaramente se si tiene conto della strategia intimidatoria tipicamente mafiosa, a volte esplicita e sfociata in concrete condotte estorsive, a volte più sottile ed implicita, esercitata dall’associazione mafiosa nei loro riguardi, strategia che ha determinato chiaramente un diffuso clima di soggezione e di omertà per i debitori usurati ed intimiditi’’.In altre parole, osserva il gip, "la presente indagine che si inserisce e costituisce integrazione e sviluppo delle altre rilevanti indagini dirette dalla Dda di Milano sul fenomeno della ‘ndrangheta lombarda rende evidente come tale struttura criminale essenzialmente unitaria risulti essersi infiltrata’’ in taluni settori "strategici della economia nazionale".

PENSABENE E I VOTI - Domenico Zema, ex assessore in un comune della Brianza e uno dei presunti capi della locale di 'ndrangheta di Desio, avrebbe portato ''voti'' a favore dell'ex assessore regionale lombardo Massimo Ponzoni. Lo sostiene in una telefonata intercettata il presunto boss Giuseppe Pensabene. Stando a quanto riferito dall'agenzia Ansa, in una intercettazione ambientale dell'aprile 2010, parlando con un presunto affiliato alla cosca e riferendosi a Zema diceva: "...Ponzoni, Ponzoni ... Lo ha appoggiato forte Zema tutte le amicizie sue, i voti suoi glieli ha dati tutti a questo Ponzoni. Poi hanno litigato''.

ERA CHIAMATO "PAPA" O "SOVRANO" - Dall'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Milano, Simone Luerti, emerge il ruolo preminente di Giuseppe Pensabene. La sua presenza "è costante in tutta l'attivita' di indagine, come ideatore, direttore e gestore delle complesse operazioni finanziarie gestite dal suo gruppo criminale. Non soltanto - si legge ancora - viene chiamato 'capo', o addirittura 'Papa' o 'Sovrano' da alcuni degli appartenenti all'associazione mafiosa, ma le sue decisioni vengono sempre accettate e puntualmente eseguite da tutti gli associati''.

LE INTERCETTAZIONI - Il suo ''ruolo di vertice all'interno della associazione mafiosa'' si e' ancora piu' accentuato ''a seguito della dei 170 arresti colegati all'inchiesta Infinito, che nel luglio 2010 inferse un duro colo alla 'ndrangheta in Lombardia. In una intercettazione del marzo 2012 uno dei presunti affiliati ''commentava - scrive il gip - l'atteggiamento calmo ma inflessibile, da vero capo, usato da Pensabene Giuseppe'' in una telefonata ''dicendo: 'ho detto: il picciotto urla, il sovrano risolve, e fa business nel momento di difficolta'

Pochi giorni dopo, il 6 aprile, era lo stesso Sovrano nel suo ufficio di Seveso a spiegare il metodo da utilizzare: infiltrarsi "come polipi" che "si devono agganciare dappertutto, i tentacoli devono arrivare dappertutto, ci sono le condizioni per poterlo fare". Secondo il giudice Luerti dimostra "come l'associazione mafiosa" guidata da Pensabene aveva cercato anche e soprattutto di penetrare nel tessuto economico per gestire e controllare le piu' svariate attivita' e aggiudicarsi appalti e lavori pubblici nei settori edilizio, dei trasporti della nautica e delle energie rinnovabili.

TENTACOLI A PARABIAGO - In un'altra intercettazione finita agli atti, Giuseppe Pensabene afferma: "Per i soldi sono meglio le Poste". Il boss, infatti, per i suoi traffici preferiva utilizzare conti aperti in uffici postali da aziende vicine alla sua organizzazione. In alcuni casi, il gruppo di Pensabene poteva anche contare sulla complicità di alcuni dipendenti delle Poste, come il direttore e il vicedirettore degli uffici di Parabiago (Milano), entrambi agli arresti domiciliari, che non compilavano mai le dichiarazioni antiriclaggio anche a fronte di prelievi di ingenti somme di denaro.

"Alle poste è meglio perchè possiamo avere subito 100-200mila euro da usare per i nostri affari", dice Pensabene in un'altra conversazione intercettata nel corso delle indagini. A fare notare il fatto che i controlli alle Poste siano stati alle volte meno efficienti sono stati il sostituto Giuseppe D'Amico e il procuratore aggiunto Ilda Boccassini nel corso della conferenza stampa organizzata in questura per presentare l'operazione. "A livello legislativo - ha fatto notare il pm D'Amico - bisogna intervenire perchè Poste Spa è diventata una banca a tutti gli effetti".

ANCHE DIRIGENTI SPORTIVI TRA LE VITTIME DELL'USURA - Ci sono anche il vice presidente esecutivo del Genoa Antonio Rosati (ex presidente del Varese), e il dg della Spal Giambortolo Pozzi tra gli imprenditori finiti nella morsa dell'organizzazione della 'ndrangheta smantellata. Fanno parte di una lunga lista di imprenditori diventati vittime. L'ex presidente della Nocerina è stato addirittura picchiato (lesione alla retina) per indurlo a pagare il debito.

BLITZ ANCHE IN PROVINCIA DI BERGAMO - Tra le persone sottoposte a ordinanza di custodia cautelare in carcere ci sono anche V.C, 41enne nato a Treviglio e residente a Calvenzano, M.M., 49enne calabrese di fatto residente ad Almè, e R.G.S., 30enne nato a Treviglio e residente a Misano Gera d’Adda.

Nessun commento:

Posta un commento