Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------




CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

sabato 4 dicembre 2010

L'indecenza imprenditoriale

MARCHIONNE e la FIAT insistono:
il CONTRATTO NAZIONALE va SPAZZATO VIA.


L'avevamo detto che FIAT e Marchionne avrebbero riproposto la loro ricetta indigesta per i lavoratori, replicando la vicenda di Pomigliano. Ora IL RICATTO è sull'unità produttiva di MIRAFIORI a Torino.
Marchionne, non si limita a voler IMPORRE turni di lavoro di 10 ORE, mancato pagamento dei primi 3 giorni di malattia nonchè condizioni capestro che, di fatto, impediscono l'esercizio del DIRITTO DI SCIOPERO, vuole anche l'azzeramento del CONTRATTO NAZIONALE e l'imposizione di contratti individuali ai lavoratori dello stabilimento torinese.
FIAT pretende che il sindacato abdichi e i lavoratori diventino SCHIAVI senza alcuna tutela.
Quest'arroganza da PADRONE DELLE FERRIERE OTTOCENTESCHE, quest'indecenza, da CAPITALISMO STRACCIONE assistito con anni di finanziamenti pubblici e sgravi fiscali, merita una risposta collettiva alta poichè ancora una volta, sono in gioco i LEGITTIMI DIRITTI DEI LAVORATORI.


Il Manifesto


Liberazione
 

Nessun commento:

Posta un commento