Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

mercoledì 23 novembre 2016

LE RAGIONI DEL NO CHE ANCHE SINISTRA E AMBIENTE CONDIVIDE

Più si avvicina il 4 dicembre e più la campagna referendaria si arricchisce di dichiarazioni e argomentazioni che nulla hanno a che vedere con i contenuti di merito delle modifiche Costituzionali su cui gli italiani saranno chiamati ad esprimersi.
In particolare, è ormai strabordante l'apparizione e l'eloquio sui mass media del premier Renzi che dilaga in tutte le trasmissioni televisive, approfittando della possibilità di comunicare rivestendo variegati ruoli (capo del Governo, segretario del Pd, promotore delle modifiche Costituzionali) o come cronaca.
Lui e i suoi fedelissimi hanno poi dalla loro l'intero establishment economico e finanziario e l'appoggio più o meno velato di quasi tutte le testate giornalistiche nazionali.
E' una campagna martellante costruita su slogan semplificatori, populisti e da "ribaltamento della realtà" approfittando di un "analfabetismo politico" dilagante e quindi della facilità con cui si può propinare una "vision" che modelli la realtà a proprio piacimento.
Così, veleggiando ben lontani dal merito dei contenuti, il renzismo attua una competizione referendaria di personalizzazioni prima costruite e poi ricusate, falsità e delegittimazioni condite a base di slogan pieni di banalità acchiappaconsensi, accuse di "conservatorismo e di protezionismo della casta" distribuite da un premier che furbescamente utilizza, lui per primo, demagogia e populismo a piene mani.
Non manca poi l'evocazione da parte dei sostenitori del Si, di scenari apocalittici inesistenti sulla instabilità economica, politica e dei mercati finanziari qualora prevalesse il No.
Tutte modalità e strumenti già visti e stracollaudati negli anni del berlusconismo e ora impiegati dal Pd renziano.
La posta è evidentemente alta. Questo Referendum sta andando al di là d'una mera consultazione confermativa ma sta svelando un disegno molto lontano rispetto all'idea di una Democrazia partecipativa.
L'attuale Governo vuole "svuotare" l'impianto Costituzionale per andare verso un premierato forte, una investitura plebiscitaria con la prospettiva di poter controllare le assise legislative (Camera con il premio di maggioranza e Senato non più elettivo) piegando a proprio favore la composizione della Corte Costituzionale e controllando direttamente l'elezione del Capo dello Stato. Una logica anche questa, in perfetta continuità con le aspirazioni del passato ventennio berlusconiano.
Con buona pace d'una Costituzione equilibrata e di garanzia qual'è quella attuale.
Ecco sotto una buona serie di ragioni per votare NO al Referendum del 4 dicembre 2016

REFERENDUM SULLE MODIFICHE COSTITUZIONALI: 
PERCHE' VOTARE NO
Nota:
Abbiamo elaborato le motivazioni DI MERITO per il NO riprendendo i contenuti dei documenti dell'ANPI nazionale e delle schede del Prof. Giovanni Missaglia, vice-Presidente dell'ANPI di Lissone.

Di questo, ne abbiamo parlato anche a Meda il 21-11-2016 con Marco Dal Toso, Loris Maconi e Giulio Cavalli.


 

Nessun commento:

Posta un commento