Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

sabato 6 maggio 2017

RIFUGIATI: UNA SQUALLIDA E ODIOSA VICENDA DI CAPORALATO IN PROVINCIA DI COSENZA

Una squallida vicenda messa in luce dalla Procura di Cosenza. Una vicenda che vede, ancora una volta vittime, i richiedenti asilo.
Secondo l'accusa, chi era stato incaricato di gestire l'accoglienza in realtà, dopo averli stipati in strutture fatiscenti, lucrava su di loro mettendoli altresì a disposizione per il lavoro nero sottopagato.
Giusto chiedersi quali controlli effettui la Prefettura su chi vince i bandi per verificare il rispetto degli standard qualitativi e normativi e quali verifiche faccia quando assegna direttamente gruppi di richiedenti asilo a soggetti che dovrebbero gestire l'accoglienza.

Rifugiati sfruttati per lavori agricoli, 
14 arresti a Cosenza

Silvio Messinetti  Edizione del 06.05.2017

Il caporalato nel centro d’accoglienza. Un oliato sistema di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro migrante. Lo schiavismo «legalizzato» per mesi, nonostante fosse già noto che sui contrafforti della Sila, nel fazzoletto di altopiano tra Camigliatello, Casole Bruzio e Aprigliano, c’erano sodalizi criminali che lucravano sui migranti, approfittando di un sistema di accoglienza che fa acqua da tutte le parti.
Chi semina odio sulle Ong che salvano vite umane nel Mediterraneo, si facesse piuttosto un giro in Calabria in quella teoria di alberghi, residence, B&B, trasformati in ghetti per migranti, vilipesi, maltrattati, vessati, ed ora si scopre pure agenzie di collocamento per caporali e lavoratori in nero.
Non si tratta di Ong ma viceversa di sodalizi di speculatori foraggiati dallo Stato che affida (e rinnova) la gestione delle strutture.
Li chiamano «centri di accoglienza straordinari». Ma non accolgono, non proteggono, non tutelano.
Era l’estate scorsa quando una delegazione di LasciateCIEntrare ha ispezionato tutti i centri situati in Sila. 
Ecco com’era declinata l’accoglienza in salsa silana: ospiti costretti a dormire su materassi stesi sul pavimento, senza lenzuola né cuscini, la corrente elettrica assente, l’acqua calda, inesistente. I migranti mostravano irritazioni cutanee e lamentavano la mancanza di assistenza sanitaria. I fili dell’impianto elettrico erano scoperti e molti bagni privi di rubinetteria. Tutti gli abiti che i rifugiati indossavano erano stati donati dalla popolazione locale. 
E il pocket-money non veniva erogato dai gestori, nonostante questi ricevessero dal Viminale ben 35 euro al giorno per migrante.
L’inchiesta della procura di Cosenza che ieri ha portato all’arresto di decine di persone e al fermo di alcuni gestori dei centri d’accoglienza apre altri squarci, finora ignoti, sulla indegna condizione dei rifugiati. Una storia che lascia sgomenti.
Gli elementi raccolti dagli inquirenti hanno permesso di accertare che gli ospiti, senegalesi, nigeriani e somali, venivano prelevati da due strutture, il Santa Lucia e il Centro giovanile jonico di Camigliatello, e portati a lavorare in campi di patate e fragole o impiegati come pastori per badare agli animali da pascolo. 
In particolare, il presidente e i due responsabili della gestione dei Cas risultano accusati di aver illecitamente reclutato i rifugiati a loro affidati per essere impiegati in nero, in concorso con i titolari delle aziende agricole. 
Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, abuso d’ufficio e tentata truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. 
È il primo caso in Italia di applicazione della nuova legge sul caporalato. 
Durissimo il procuratore di Cosenza, Mario Spagnuolo: «E’ terribile che sia stata messa sotto i piedi la dignità delle persone che il nostro articolo 2 della Costituzione sancisce.
Con quale coraggio chiediamo aiuto agli altri se trattiamo così i nostri simili. 
Tutto nasce da una iniziale denuncia fatta da un migrante. C’è stato il coraggio di queste persone di denunciare e da quel momento si è sviluppata una attività di indagine che ha svelato l’esistenza di una vera e propria agenzia del caporalato». 
I migranti lavoravano per undici ore al giorno con paghe minime, 2 euro all’ora, per dieci ore al giorno. La tentata truffa è ipotizzata perché i Cas dislocavano i migranti nelle aziende pur incassando la quota che spetta per ogni migrante. E non finisce qui perchè il giro potrebbe allargarsi. 
«Ci sono indagini in corso e l’attività sta proseguendo», ha concluso l’aggiunto Marisa Manzini.

------------------------------------------------------- 

Da Repubblica

Sfruttavano i rifugiati a 2 euro all'ora 
per il lavoro nei campi. 
Arrestati i capi di due Centri d'accoglienza di Cosenza

Avrebbero dovuto garantire ai loro ospiti, giovani richiedenti asilo africani, lezioni d'italiano e percorsi d'integrazione. Invece li mandavano a raccogliere patate e fragole con paghe irrisorie. I caporali accusati anche di tentata truffa aggravata: manipolavano i fogli presenza dei profughi per ottenere i fondi pubblici: i ragazzi risultavano presenti in classe mentre erano al lavoro


COSENZA. Avrebbero dovuto agevolarne l’integrazione dei richiedenti asilo e curare le loro ferite fisiche e psicologiche, ma si sono trasformati nei loro nuovi aguzzini. Scoperchia un quotidiano di miseria, sfruttamento e negazione di ogni basilare diritto l’inchiesta della procura di Cosenza, coordinata dal procuratore capo Mario Spagnuolo, dall’aggiunto Marisa Manzini e dal pm Giuseppe Cava, che ha portato venerdì in carcere i due responsabili di due centri d’accoglienza di Camigliatello silano, nel cosentino. Insieme a loro, per ordine del tribunale di Cosenza, 4 persone sono finite ai domiciliari, mentre in 8 sono state destinatarie di un provvedimento di obbligo di dimora.
Tutti sono a vario titolo accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, abuso d'ufficio e tentata truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, per aver costretto i rifugiati cui avrebbero dovuto fornito assistenza a lavorare ogni giorno, per oltre 10 ore, nelle aziende agricole della zona. Una storia di ordinario sfruttamento e caporalato nascosta tra le pieghe del sistema di accoglienza delegato ai privati.

Una trentina di ragazzi - senegalesi, nigeriani e somali, riconosciuti come vittime di guerre, persecuzioni e conflitti e per questo riconosciuti come rifugiati – venivano prelevati ogni mattina all’alba e messi a disposizione dei padroncini della zona, per essere impiegati come braccianti o pastori. Per loro, non c’era nessun corso d'italiano o programma di avviamento professionale, tanto meno l’assistenza psicologica che i centri si impegnano a garantire a coloro che in Italia trovano asilo o rifugio perché in fuga da Paesi in cui rischierebbero la vita. I trenta ragazzi ospiti dei due centri di Camigliatello silano in Italia hanno conosciuto solo nuove forme di sfruttamento.
Vestiti in maniera approssimativa nonostante il freddo inverno silano, i ragazzi erano obbligati a lavorare per oltre dieci ore al giorno nei campi di patate o di fragole come braccianti, o come pastori incaricati di badare agli animali al pascolo sull’altopiano silano. Un lavoro duro, pesante e retribuito meno di 15-20 euro al giorno. E ovviamente del tutto clandestino.
Formalmente, i ragazzi risultavano regolarmente presenti nei due centri di accoglienza, dove – recitano le carte – si svolgevano tutte le attività previste dai programmi di assistenza ai rifugiati. Ma era solo una menzogna. I ragazzi venivano di fatto doppiamente sfruttati. Come manodopera a basso costo nei campi e come pretesto per ottenere finanziamenti.
 

Nessun commento:

Posta un commento