Benvenuti !

BENVENUTI nel blog di SINISTRA e AMBIENTE.
Con questo blog, vogliamo aggiornare tutti sull'attività,
le proposte, le idee del gruppo.

Per la nostra storia e le passate iniziative,
puoi vedere anche sul nostro vecchio sito web.
Per chi volesse contattarci o inviarci materiale da pubblicare, cliccare QUI

La Meda e la Brianza che amiamo e che vogliamo tutelare

-------------------------------------------------

CRONACHE DA CHI SI IMPEGNA A CAMBIARE IL PAESE DEI CACHI E DEI PIDUISTI.
"Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente,
ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere,
se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?"
Antonio Gramsci-politico e filosofo (1891-1937)
OMAGGIO ALLA RESISTENZA.
Ciao Dario, Maestro, indimenticabile uomo, innovativo, mai banale e sempre in prima fila sulle questioni sociali e politiche.
Ora sei di nuovo con Franca e per sempre nei nostri cuori.

"In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta.
Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po' le teste.
Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa."

(da Il mondo secondo Fo)

giovedì 20 ottobre 2016

IN CC LE OSSERVAZIONE E LE CONTRODEDUZIONI DEGLI ENTI ALLA VARIANTE AL PGT


Il Consiglio comunale di Meda con tre sedute programmate il 15, il 25, il 27 ottobre 016 si sta occupando delle controdeduzioni ai pareri di Provincia di MB, Regione Lombardia, Arpa e in modo similare delle controdeduzioni alle osservazioni di gruppi politici, associazioni e privati cittadini alla Variante al PGT.
Partiamo dai pareri della Provincia, della Regione e di Arpa che sono stati trattati nella seduta del 15-10-2016.
Documenti molto corposi quelli pervenuti, con indicazioni e note degli enti sui contenuti della Variante elaborata dall'amministrazione e a seguire puntuali prescrizioni e richieste di modifiche.
A queste l'amministrazione ha risposto con controdeduzioni che non accolgono nella loro completezza i pareri di questi enti.
Il gruppo di Sinistra e Ambiente s'è espresso facendo propri alcuni pareri della Provincia di MB, in particolare quello che chiedeva maggiore specificazione nella documentazione circa l'uso per spazi a verde pubblico nelle aree ex AT da acquisire con il meccanismodella perequazione.
L' amministrazione e la sua maggioranza consiliare hanno preferito mantenere un criterio più elastico che consenta in futuro di realizzare parcheggi o servizi pubblici che pur consumando suolo non li costringano a compensazioni ambientali.
Ingiustificato ci è parso inoltre il non tener conto del respingimento fatto dalla Provincia rispetto alla volontà della giunta Caimi di stralciare aree libere dalla Rete Verde del PTCP, non solo mantenendo nel documento di verifica di compatibilità con il PTCP gli stralci ma rifiutando pure il recepimento cartografico sulla porzione medese inserita in Rete Verde.
Dribblata anche la richiesta di quantificare la domanda abitativa. Certo, una richiesta impegnativa cui si poteva però dare risposta avviando un seppur imperfetto studio sulla quantificazione degli stabili residenziali e produttivi/commerciali vuoti, così come definito in un punto programmatico rimasto inapplicato.
Debole la parte della quantificazione delle Compensazioni Ambientali prevista per le trasformazioni soggette a piani attuativi o permessi di costruire convenzionati, situazioni che comportano consumo di suolo.
Si arriva solo ad un reperimento di verde per un 50% del consumato da utilizzare nella parte della dotazione a standard.
Sarebbe stato possibile definire un valore più alto, più vicino al rapporto 1:1 previsto dalla Provincia (valore cassato dal TAR non per la quantità ma perchè spetta ai Comuni definirla) e da utilizzare anche per le aree da acquisire.
Per quanto rigurda le prescrizioni regionali, c'è poca chiarezza sul recepimento del vincolo regionale sul superamento della linea FNM in via Seveso/Cadorna che condiziona la possibilità di apertura del centro commerciale (o grande superficie di vendita ) dell'AT1 ex Medaspan.
La richiesta regionale di una norma ad hoc inserita nel Piano delle Regole viene derubricata dall'amministrazione con un fugace riferimento al paragrafo contenente il parere della Regione nella parte dispositiva della scheda dell'AT1.
Non proprio la stessa cosa chiesta dalla Regione su di una prescrizione dirimente.
Attualmente l'AT1, è in fase di Accordo di Programma tra il Comune, Regione Lombardia e l'operatore privato.
Nella Variante è stato giocoforza recepire il richiamo al periodo di moratoria previsto nella legge Reg. 31/014 sugli Ambiti di Trasformazione (AT) del PGT 2012 vigente ora riazzonati come aree da acquisire a servizi e standard pubblci.
Questo consentirà, sino a fine maggio 2017, agli operatori privati di presentare comunque piani attuativi su quelle aree con il rischio che esse vengano dunque edificate.
Un frutto avvelenato generato dall'errore commesso da Caimi e dalla sua maggioranza Pd quando, nel 2012, decise di approvare il PGT senza stralciare gli AT così come chiedeva Sinistra e Ambiente.

ARPA ha invece ribadito quali siano gli obblighi di legge per gli ambiti oggetto di variante, in particolare le indagini ambientali ai sensi del DL 152/06 per verificare la qualità dei terreni e la compatibilità con la destinazione d'uso.
Un adempimento importante sopratutto per le aree dove nel passato erano insediate attività produttive che utilizzavano composti chimici pericolosi o dove la storia pregressa porta ad ipotizzare possibili contaminazioni del suolo.
Abbiamo evidenziato come l'amministrazione medese sull'argomento non abbia brillato per sensibilità ambientale e trasparenza tanto dal non coinvolgere ARPA nelle indagini ambientali sull'AT1 (così come richiesto da Sinistra e Ambiente con una mozione - respinta nel cc del 29-10-015)  oltretutto applicando metodologie dubbie e criticabili.

Per quanto sopra, il consigliere comunale di Sinistra e Ambiente ha respinto le controdeduzioni dell'amministrazione sui pareri della Provincia con votazione contraria e si è astenuto per le controdeduzioni sui pareri di Regione Lombardia e Arpa.

Le prossime sedute tratteranno le osservazioni controdedotte di gruppi politici, associazioni e singoli cittadini.
Sono 75 osservazioni che hanno generato 115 schede di controdeduzioni su cui il CC si esprimerà.

Le aree oggetto di osservazioni e controdeduzioni

Nessun commento:

Posta un commento